wastinglove
OFFLINE

Profilo di wastinglove

25118
Maschio
05/01/1970
-
professionista
-
-
"Non aver paura del buio / possiamo sempre trovare una strada / perchè nulla dura per sempre / nemmeno la fredda pioggia di novembre"
November Rain - Guns n' Roses
Qualcuno volò sul nido del cuculo
Lato oscuro della luna
-
-
-
"ma più bello di averti è quando ti disegno / niente ha più realtà del sogno"
-
ArticoloCategoriaCreato
Questo utente non ha articoli.
TitoloCategoriaCreato
Questo utente non ha blog.
Romantico/a
Normale
183
Normale
Lunghi
Castano
Castani
-
Casual
L'ipocrisia
Azione
Heavy Metal
Voglio vivere finchè sono vivo...
"Voglio volere / tutta una vita all'altezza dei sogni che ho / Voglio volere / voglio deciderlo se mi basta o se no / Voglio volere / voglio godermela tutta fin quando si può"
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Nov 5, PM
La Malattia e la Morte fanno cenere
di tutto il fuoco che arse per noi due.
Di quei grandi occhi così accesi e teneri,
di quella bocca dove annegò il mio cuore,
di quei baci potenti come un dìttamo,
di quelle ebbrezze più di raggi calde,
anima mia, cosa rimane? E' orribile:
null'altro che l'immagine sbiadita
di un disegno a matita, a tre colori,
che solitaria come me svanisce
mentre la ruvida ala del Tempo,
ingiurioso vegliardo, la corrode.
Ma non saprai, nero assassino
della Vita e dell'Arte, nella mia memoria
uccidere chi fu mia gioia e gloria
(I fiori del male - Charles Baudelaire)
Nov 7, PM
I labirinti
che crea il tempo
svaniscono.
(Resta solo
il deserto.)
Il cuore,
fonte del desiderio,
svanisce
(Resta solo
il deserto.)
L'illusione dell'alba
e i baci,
svaniscono.
Resta solo
il deserto.
Un ondulato
deserto.
(Federico Garcia Lorca)
Se ti tagliassero a pezzetti
il vento li raccoglierebbe
il regno dei ragni cucirebbe la pelle
e la luna tesserebbe i capelli e il viso
e il polline di Dio
di Dio il sorriso.
Ti ho trovata lungo il fiume
che suonavi una foglia di fiore
che cantavi parole leggere, parole d'amore
ho assaggiato le tue labbra di miele rosso rosso
ti ho detto dammi quello che vuoi, io quel che posso.
Rosa gialla rosa di rame
mai ballato così a lungo
lungo il filo della notte sulle pietre del giorno
io suonatore di chitarra io suonatore di mandolino
alla fine siamo caduti sopra il fieno.
Persa per molto persa per poco
presa sul serio presa per gioco
non c'è stato molto da dire o da pensare
la fortuna sorrideva come uno stagno a primavera
spettinata da tutti i venti della sera.
E adesso aspetterò domani
per avere nostalgia
signora libertà signorina fantasia
così preziosa come il vino così gratis come la tristezza
con la tua nuvola di dubbi e di bellezza.
T'ho incrociata alla stazione
che inseguivi il tuo profumo
presa in trappola da un tailleur grigio fumo
i giornali in una mano e nell'altra il tuo destino
camminavi fianco a fianco al tuo assassino.
Ma se ti tagliassero a pezzetti
il vento li raccoglierebbe
il regno dei ragni cucirebbe la pelle
e la luna la luna tesserebbe i capelli e il viso
e il polline di Dio
di Dio il sorriso.
Dietro la porta di casa mia
Ho un tappeto di tutte le stelle del cielo
E i tuoi occhi segretamente nascosti
Rinchiusi per me
C'è un leggero passo di vento che qui non c'è
Vedessi di notte quando danza per me
Ci sono novità ci sono notti
Che per niente al mondo cambierei
Ci sono novità e tutto quello che ci porterà
Questo stare leggeri e presenti
Cantando fuori dal coro
Queste voci poco distanti fuori dal coro
Ci sono novità ci sono notti
Che per niente al mondo perderei
E la curiosità e tutto quello che ci porterà
Ad aprire la porta ad ogni novità
Consumandone poco per volta
Per quello che verrà
Per quello che verrà.
Rivelerò
Cose che nessuno sa di me
E lo farò
Solo perché tu non sai com’è
Brividi
Sento quando guardo
I lividi
Che han lasciato segni dentro
Io non ho voglia più di fare finta
che
Che vada tutto bene solo perché “è”
Guardami
Io sono qui
E te lo voglio urlare
Io sto male

Vivere o niente
In fondo poi nemmeno sai perché
Solo ti muovi
Dentro questo spazio tempo e

Lividi
Vedi i tuoi ricordi
Brividi
Quando senti che sono già morti

Io non ho voglia più di fare finta
che
Che vada tutto bene solo perché “è”
Guardami
Io sono qui
E te lo voglio urlare
Io sto male

Io non ho voglia più di fare finta
che
Che vada tutto bene solo perché “è”
Guardami
Io sono qui
E te lo voglio urlare
Io sto male
....marziano...
Sempre belle le tue parole
Questo profilo è stato visto da 2 utenti e 426 Ospiti.
Nessun risultato trovato nella galleria.
Nessuna attività da mostrare.