Storie di serie B ...

Di più
13 Anni 2 Mesi fa - 13 Anni 2 Mesi fa #7494 da perla84
Storie di serie B ... è stato creato da perla84
Perché, secondo voi, le storie nate in chat, vengono etichettate come storie di serie B?
Ultima Modifica 13 Anni 2 Mesi fa da perla84.
  • GazaLibera
  • Visitatori
  • Visitatori
13 Anni 2 Mesi fa #7497 da GazaLibera
Risposta da GazaLibera al topic Re: Perchè
Interessante, Perla cara! Per risponderti distinguo due casi.
Ritengo che la chat sia un modo, come tantissimi altri, per "conoscere" altre persone. La chat è veloce e immediata, con pochi click raggiungi persone provenienti da luoghi diversi e aventi valori, culture e tradizioni varie.
Le relazioni, sia di amicizia che d'amore, che nascono e permangono in una chat non sono del tutto vere e sono destinate a finire. Le persone sono da vivere!
Caso diverso è quando la chat funziona solo da luogo di incontro e la conoscenza si svolge nel mondo reale.
In questo caso, la relazione ha lo stesso valore di qualsiasi altra relazione non nata nel mondo virtuale.
Rimango assai dubbiosa nei confronti delle relazioni a distanza (nate o no nel virtuale) che ho avuto modo di vivere a causa del mio peregrinare o del partner che mi sceglievo.
In definitiva, ritengo che una persona sia da annusare, sentire e toccare giorno dopo giorno e purtroppo in una chat è impossibile.
Di più
13 Anni 2 Mesi fa #7502 da AnyWay
Risposta da AnyWay al topic Re: Perchè
Quoto più o meno quanto detto da gazzella cara: le relazioni vissute in chat sono di "serie B".
Non esiste un luogo più, o meno idoneo a conoscere (vedi incontrare) una persona, è il seguito a fare la differenza.

Vieni in chat con me!
Di più
13 Anni 2 Mesi fa #7506 da LaDea
Risposta da LaDea al topic Re: Perchè
Non esistono rapporti di serie A o di serie B, ma diversi, la nostra difficoltà consiste nel doverli necessariamente classificare nelle categorie standard Amore o Amicizia, sarebbe tutto più facile se li chiamassimo “emozioni”. Dopo una giornata piena di rumori, eccoci approdare nella Comunità virtuale, dove nessuno si accorge se il vestito che indossi appartiene alla collezione dell’anno precedente o se le french non sono perfettamente curate, l’essere prevale sull’apparire. Capita di incontrare qualcuno con un background diverso dal tuo, ma che riesce a leggerti nelle pieghe dell’anima, e allora nasce la “magia”, e ti ritrovi a provare emozioni e scoprire pensieri che neanche sapevi che esistessero, e per questo non è necessario “viverisi” o “toccarsi”.
Naturalmente c’è sempre il rischio che la magia sia unilaterale e il tuo interlocutore, al di là del monitor, stia sbadigliando, ma anche questo fa parte del gioco
:P
Di più
13 Anni 2 Mesi fa - 13 Anni 2 Mesi fa #7507 da alice123
Risposta da alice123 al topic Re: Perchè
Per quanto rischioso sia il gioco, se lasciassimo più spazio all'emozioni, se riuscissimo a sentire solo ed unicamente il sangue fluire nelle vene... quando siamo d'innanzi al monitor è magia... dopo una lunga giornata, hai bisogno di vivere te stesso al di là delle regole sociali, che sì utili ma vincolanti... le emozione ti rendono viva.
Ultima Modifica 13 Anni 2 Mesi fa da AnyWay. Motivo: Leggi il regolamento prima di postare, ultimo avviso.
  • Puntoacapo
  • Visitatori
  • Visitatori
13 Anni 1 Mese fa #7610 da Puntoacapo
Risposta da Puntoacapo al topic Re: Storie di serie B ...
In 11 anni che frequento chat, forum e stanze più o meno virtuali, ho incontrato di persona (minimo) un centinaio di persone. Ho girato da Verona a Palermo per incontrare amici e persone che semplicemente ed "istintivamente" suscitavano il mio interesse. Ho avuto svariate delusioni, non posso negarlo, però posso dire che ci sono persone che sono entrate in pianta stabile a far parte della mia vita. Questo mi basta per considerare di serie A o di serie B le persone, per come affrontano le situazioni, a prescindere dal tipo di rapporto che cercano. Le stesse persone che in internet cercano avventure e rapporti di serie B, lo fanno anche nel quotidiano ;-)
Tempo creazione pagina: 0.092 secondi